Verifica Disponibilità & Prenota
Booking Online
Migliore tariffa garantita
 
 

Ospiti Camera #2

Ospiti camera #3

Ospiti camera #4

Tram di Opicina

Tra passato e futuro, il tram de Opcina sale dal mare ed arriva al cuore

Il Tram de Opcina, come lo chiamano i triestini, ha radici antiche, ma frutti assolutamente moderni.

Le sue caratteristiche

Il percorso della Tranvia de Opicina parte in piano, da Piazza Oberdan, nel centro di Trieste, ed inizia a salire dopo Piazza Casali.
Da qui grazie al supporto della funicolare la vettura tranviaria sale raggiungendo la pendenza massima del 26%. Dopo Vetta Scorcola finisce il tratto con la funicolare e inizia quello ad aderenza naturale, fino a completare la tratta e raggiungere Villa Opicina, il capolinea (329 m s.l.m.).

Dove fermarsi

Prima di arrivare a Villa Opicina, il consiglio è quello di scendere alla fermata dell’Obelisco, una delle preferite da chi prende il Tram de Opcina. Infatti da quel punto è facile raggiungere la Strada Napoleonica, un itinerario panoramico da non perdere: circa 3,7 km sul ciglione carsico, in alto sul mare, con stupendi panorami su Trieste e il suo golfo.

La Tranvia di Opicina, che collega il centro di Trieste (piazza Oberdan) con la frazione di Villa Opicina (posta a oltre 300 metri d’altezza, interamente nel Carso), è infatti in funzione dal lontano 1902 e da quel giorno ancora non si è stancata di condurre chi visita Trieste lungo un itinerario fatto di scorci panoramici e grande suggestione.

La sua storia

La Tranvia di Opicina fu progettata già sul finire del XIX secolo ma realizzata solamente nel 1902. L’obiettivo era quello di accorciare i tempi di percorrenza della vecchia tratta ferroviaria, dal momento che per vincere la pendenza era costretta a fare un giro più largo.
Ogni tanto necessita di sostituzione e ammodernamento dei materiali (nel 2012 sono state sostituite le pulegge del 1902!), ma si può dire che resta ancora in sostanza la stessa degli inizi del secolo scorso, una specie di monumento vivente assolutamente da visitare.
In vacanza
tra la storia e la cultura
del centro di Trieste